e alla fine arriva fiorella, la fake modella

Sono sicuramente io… è sicuramente colpa mia che non capisco… è arte… e io l’arte non la capisco, evidentemente… sono sicuramente io…

E poi mi dico che no… forse non sono io… forse è lui che sta tirando un po’ la corda, anche se come al solito a me non resta uno straccio di appiglio per incazzarmi veramente. Perché come al solito, niente è reale.

Lo avevo detto che nei giorni di lockdown stava succedendo qualcosa nella sua testolina (citazione dal prof del master on line in Social Media Marketing che ho seguito in quarantena… uso quella parola per drenare l’odio che mi provocava ogni volta che la usava il prof altrimenti io lo vado a cercare…), e infatti dopo qualche periodo di travaglio, durante il quale il nerd si aggirava per la casa in cerca di un posto sicuro per sgravare, ecco che mi salta fuori questa qui: Fiorella, la Fake Modella.

Allora, chi è mo’ sta Fiorella? Fiorella è in sostanza un avatar, cioè un personaggio inesistente nella realtà e che vive dentro un software di simulazioni per fotografi (non so spiegarlo meglio di così, fatevelo andare bene), con il quale pare che i professionisti possano fare progetti di set e di campagne fotografiche prima di entrare veramente in shooting con modelli veri in carne e ossa. Quindi una cosa seria, direte voi. E infatti sulle prime, io ero bella tranquilla.

È stato dopo qualche tempo che ho iniziato a preoccuparmi. Fiorella iniziava a perdere i connotati del modello digitale per “vedere dove mettere le luci” e iniziava a diventare una persona. Il Nerd le ha trasferito una personalità, e lei vive ‘veramente’.

Ve la presento. Fiorella vive a Milano, e ha iniziato a fare la modella da poco. Un giorno ha incontrato un fotografo che aveva bisogno di fare un po’ di pratica e che ha capito subito che in lei c’erano grandi potenzialità. Subito le ha fatto un contratto in esclusiva, e ora lei lavora solo con lui (fino a che io non la uccido, ovvio!)

Fiorella ha un padre italiano e una madre libanese, ed è da lei che ha preso questo occhi grandi, un po’ tristi ma pieni di sole che piacciono tanto al fotografo.

A lui piace raccontarla sia professionalmente sia personalmente. Insieme hanno iniziato una serie di foto che la ritraggono nelle locandine dei film che hanno fatto storia, oltre a progetti vari a seconda dell’ispirazione del momento.

Ma lei è anche una ragazza normale, che ha vissuto con fatica il lockdown appena concluso, fra mattinate difficili, aperitivi su zoom e serie su Netflix (“Skam Italia” le è piaciuto un botto, pare!).

Comunque c’è tutto su Instagram, perché è evidente che se non sei su Instagram non sei un cazzo di nessuno. Il problema, almeno per me, è che è un po’ porca. Capisco che sei giovane e porti una merda di 38, ma tienilo addosso un vestito ogni tanto… E invece no, lei è porca, e in quanto porca, fa foto da porca. Andate a vedere se esagero…

Visto? Fiorella esiste, eccome. Ogni giorno il nerd ci dà un dettaglio in più sulla vita della modella che la fa essere sempre meno Fake, e ogni giorno lei diventa più vera.

E io cosa devo fare? Mi incazzo? Francamente non so cosa fare…

Voi che dite?

Mi incazzo?

7 risposte a "e alla fine arriva fiorella, la fake modella"

Add yours

      1. Perché apprezzo l’utilità della “sagoma” per creare scenari professionalmente, ma ogni piccolo passo verso il considerare, anche scherzosamente, una cosa irreale e completamente priva di personalità come una persona, seppur virtuale, non la concepisco.
        E per la verità mi fa pure un po’ patire, ed incazzare, sì.
        Già mi inquietano e disturbano Siri ed Alexa, figurati metterci sopra una faccia e fingere che abbiano una vita propria.

        "Mi piace"

  1. Eh, ma come sai a casa mia Alexa e Siri sono praticamente dei parenti… Fiorella è arrivata ad allargare la famiglia… alla fine non riesco ad incazzarmi… a me piace inventare e non posso criticare gli slanci creativi del nerd… Ormai anche lei è una di famiglia… un po’ troppo magra per i miei gusti, ma simpatica☺️

    Piace a 1 persona

  2. Data la diffusione di tante bellocce procaci e attraenti ma poco inclini a grandi performance recitative (ogni riferimento a Megan Fox è puramente casuale), potrebbe avere un futuro nel cinema. Forse è un po’ troppo spinta per la Pixar (ce la vedo poco ad andare in giro in abiti succinti nel mezzo di un’avventura per ragazzi). Potrebbe fare un provino per la Dreamworks (sperando che il successo non le dia alla testa).

    Piace a 2 people

Rispondi a nerdwife Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: